Sclerosi multipla

Il cervello e il midollo spinale formano il sistema nervoso centrale (SNC) che è responsabile per la coordinazione di tutte le funzioni motorie, dei processi organici interni e dell'integrazione di tutti gli stimoli esterni e interni. Agisce alla stessa stregua di una centralina che trasmette gli impulsi elettrici tramite le fibre nervose. Le fibre nervose sono rivestite da uno strato isolante.

Lo strato isolante è composto prevalentemente da mielina, una sostanza grassa di colore bianco. Nelle persone affette da sclerosi multipla, questa sostanza è danneggiata in modo irreversibile da una reazione di difesa del sistema immunitario. Questo implica che gli impulsi individuali sono rallentati o non possono proprio più essere trasmessi.

Circa 57.000 persone in Italia soffrono di SM che spesso non si manifesta fino un'età compresa fra i 20 e i 40 anni. Per ragioni ancora non note, le donne adulte sono sottoposte ad un rischio maggiore rispetto all'uomo adulto.


Sintomi

La SM può causare numerosi sintomi neurologici diversi. Questi includono limitazioni alla vista (ad es. vista doppia), al funzionamento della vescica, paralisi spastica degli arti, affaticamento e perdita delle abilità motorie fini. Questi sintomi si manifestano con frequenza in stadi causati ad esempio da stress fisico o emotivo, o da infezioni, e possono variare di frequenza e di intensità.

I diversi decorsi della SM sono classificati come segue:

  • all'inizio predomina la forma recidivante-remittente della SM (circa 85-90%): uno o più sintomi neurologici si manifestano solo per un breve periodo, scomparendo (quasi) completamente dopo solo pochi giorni;
  • circa il 30-40% dei pazienti con una forma iniziale recidivante-remittente della malattia sviluppa gravi limitazioni progressive in un periodo compreso fra 10 e 15 anni. In questo caso si parla di forma secondariamente cronico-progressiva della malattia;
  • nel 10-15% dei pazienti, la malattia ha inizio direttamente con la forma primitivamente cronico-progressiva. In questo decorso della malattia, i sintomi neurologici che si sviluppano non scompaiono. Tuttavia questa forma è relativamente rara. Si manifestano anche decorsi ibridi di queste versioni base della malattia.

Cause

Le cause della SM non sono ancora note. Ad ogni modo è certo che specifiche cellule di difesa, normalmente a disposizione del sistema immunitario del corpo per contrastare i patogeni infettanti, attraverso questa malattia vengono programmate erroneamente. Combattono le strutture proprie del corpo (quali la mielina del rivestimento delle fibre nervose e le proteine a base di mielina) invece di contrastare le strutture estranee.

Numerose tesi sono state discusse sull'origine della sclerosi multipla e relativi studi sono stati condotti in virtù di tali tesi. Sembra esserci un legame con una predisposizione genetica e il ruolo rivestito dal virus di Epstein-Barr e dall'Herpesvirus umano 6 (HHV-6) è stato altrettanto esaminato nel dettaglio. A questo punto è ragionevole dedurre che la malattia sia causata da un'intera associazione di fattori.

Diagnosi

Al fine di stabilire se un paziente è malato di SM, il neurologo che lo segue ha a disposizione una vasta gamma di procedure diagnostiche. Il primo passo sarà in qualsiasi caso conoscere l'intera storia clinica del paziente (anamnesi).

Se l'anamnesi conferma il sospetto di SM, i test clinici forniranno ulteriori informazioni al riguardo. Si esamineranno nel dettaglio le abilità motorie del paziente, la sua coordinazione, i riflessi, la vista e la sua forza. Tutto questo consente di determinare l'entità delle lesioni alle funzioni neurologiche e le aree del cervello interessate. È possibile inoltre rilevare la conduttività delle fibre nervose mediante test elettrofisiologici volti a verificare la sensibilità negli arti.

La tomografia a risonanza magnetica (MRT) può essere utilizzata per visualizzare le aree infiammate del SNC. La puntura lombare rappresenta un altro metodo d'esame; l'ago viene inserito nel canale spinale del paziente tra due vertebre lombari per raccogliere il liquor cerebro-spinale.

Terapia

Al momento attuale non esiste ancora una terapia per trattare le cause della sclerosi multipla. Diversamente da quanto affermato in precedenza, un'attività sportiva moderata è consigliata in quasi tutte le forme della malattia. L'uso di dispositivi medici come le ortesi e la terapia fisica praticata con regolarità (fisioterapia) sono consigliati quando i pazienti con SM soffrono di spasticità. Il trattamento può anche essere integrato con la somministrazione di medicinali.

I prodotti illustrati rappresentano possibili trattamenti. Capire quale prodotto fa al caso vostro e se siete capaci di sfruttare la funzionalità del prodotto ai massimi livelli, dipende da molti e diversi fattori. Determinanti, tra le altre cose, sono la vostra condizione, forma fisica ed un esame medico dettagliato. Il vostro dottore, in collaborazione con il tecnico ortopedico decideranno quale trattamento è più adatto per voi.


Prodotti indicati