Trauma cerebrale

Che cos'è un trauma cerebrale?

Gli effetti del trauma cerebrale variano ampiamente: un trauma cerebrale minore non richiede o richiede solo un trattamento ambulatorio. In caso di grave lesione sono necessari il ricovero in un'unità di cura intensiva ed un'operazione; il trauma cerebrale può persino avere un decorso fatale in presenza di lesioni gravissime. Nonostante i diversi effetti, tutte le forme vengono raggruppate con il termine trauma cerebrale.

Le cause sono varie. In linea di principio, un trauma agisce sul cranio lesionando il cervello. Questo si verifica frequentemente in incidenti stradali o a seguito di cadute. Fondamentalmente può colpire persone di tutte le età.

Alla luce degli ultimi risultati diffusi dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), dai 54 ai 60 milioni di persone in tutto il mondo subiscono una lesione cerebrale traumatica ogni anno. Tra questi, dai 2,2 ai 3,6 milioni presentano una lesione di gravità medio-alta.


Quali sono le conseguenze di un trauma cerebrale?

La gravità del trauma cerebrale viene ormai determinata in base alla classificazione secondo la Scala del coma di Glasgow (GCS). In presenza di un punteggio compreso tra 13 e 15 il trauma cerebrale è lieve, tra 9 e 12 è medio, tra 3 e 8 è grave. In combinazione con altri risultati di esami neurologici, il valore determinato fornisce una chiara prognosi del paziente. Spesso si discute se un cosiddetto colpo di frusta possa causare una lesione cerebrale in assenza di un'azione violenta diretta sul cranio e se si possa proprio parlare di trauma cerebrale.

Se il sistema nervoso è menomato a seguito di un trauma cerebrale, si ripercuoterà sulla mobilità del corpo, in determinate circostanze anche a lungo termine. La terapia occupazionale e la fisioterapia, in azione congiunta con le ortesi o anche con la stimolazione elettrica funzionale, contribuiscono a riacquisire determinati movimenti o a compensare il più possibile le limitazioni.


Prodotti indicati