Sistema per disarticolazione d'anca Helix3D

Il nuovo riferimento per la protesizzazione

Maggiore sicurezza, risposta dinamica e comfort

Con il sistema modulare per disarticolazione d'anca Helix3D Ottobock introduce nuovi riferimenti per la protesizzazione di disarticolati d'anca dopo decine d'anni di stasi tecnologica. È indicata per persone con disarticolazione d'anca parziale e totale (emipelvectomia).

Nel ciclo naturale del passo, il bacino ruota e si muove su tre dimensioni; siamo tuttavia in grado di poggiare il piede con la punta rivolta in avanti, grazie ai relativi movimenti di compensazione con l'arto controlaterale. Il sistema modulare per disarticolazione d'anca Helix3D, dall'esclusivo design, sostituisce la capacità di rotazione interna ed esterna persa dopo l'amputazione. L'unità idraulica miniaturizzata integrata nell'articolazione d'anca comanda i movimenti tridimensionali dell'anca nella fase statica e dinamica.

Il ciclo del passo si avvicina così maggiormente a quello fisiologico rispetto a quanto sia possibile con i sistemi tradizionali, che generalmente consentono soltanto movimenti di oscillazione in avanti e indietro su una dimensione senza controllo dinamico.

Struttura d'articolazione innovativa

La particolare struttura dell'articolazione genera un movimento tridimensionale: le due articolazioni a sfera in combinazione con le due articolazioni assiali, di cui una inclinata, favoriscono un cammino più simmetrico e naturale.

Molle di espansione in poliuretano integrate

Assicurano che l'articolazione d'anca abbia una leggera inclinazione in avanti durante l'avvio della fase dinamica, compensado la mancanza della muscolatura per la flessione dell'anca. I movimenti di compensazione pelvica vengono notevolmente ridotti.

Connubio tra meccanica e idraulica

L'integrazione tra l'idraulica miniaturizzata e le molle di espansione in poliuretano controlla il movimento tridimensionale nella fase statica e dinamica. Per mezzo della regolazione dello smorzamento in flessione ed estensione, il tecnico ortopedico può personalizzare il movimento di oscillazione e la lunghezza del passo.

Attacco a piramide

L'attacco a piramide favorisce l'addattamento individuale della protesi. E' possibile collegare i componenti in modo ottimale in base alle indicazioni del produttore e la valutazione del tecnico ortopedico.



I vantaggi in sintesi

Lunghezza del passo individuale

Il vostro tecnico ortopedico potrà tenere conto della lunghezza del vostro passo individuale durante la pre-configurazione dell'unità idraulica.

Diverse velocità del cammino

Siete di fretta o state passeggiando tranquillamente? Siete voi a stabilire la velocità e il sistema modulare Helix3D si adegua al vostro passo.

Ampio angolo di flessione

Un ampio angolo di flessione facilita il movimento in numerose situazioni quotidiane come sedersi, calzare le scarpe o salire in auto. L'articolazione non sporge sotto il bustino pelvico da seduti e ciò consente di rimanere a sedere in una posizione confortevole.

Passo più naturale con minore carico sull'arto controlaterale

Per avviare la flessione dell'anca per il passo successivo, i disarticolati con una protesi tradizionale devono alzare l'arto protesizzato sollevando il tallone dell'arto controlaterale, e inclinare il bacino in modo non naturale. Entrambi i movimenti possono essere ridotti in larga misura con il sistema modulare per disarticolazione d'anca Helix3D.

Ciclo del passo armonico

L'esclusivo sistema idraulico di controllo dell'estensione dell'anca protegge l'apparato locomotore dagli impatti al suolo. Il ciclo del passo è molto più fisiologico, consente di risparmiare energia e riflette maggiormente quello naturale. Ciò riduce il carico sulla colonna vertebrale e sulle articolazioni ed evita eventuali problemi derivanti.

Scendere le scale con passo alternato

Per un trattamento che garantisca sicurezza, funzionalità e comfort, Ottobock approva esclusivamente la combinazione tra il ginocchio controllato da microprocessore C-Leg o Genium e la Helix3D. Ciò vi consente di affrontare le scale e di superare altri ostacoli non troppo alti. Diventerete più sicuri e dinamici.

Funzionalità

Tecnologia

La struttura pluriassiale brevettata dell'articolazione Helix 3D genera un movimento tridimensionale dell'anca e compensa la rotazione naturale del bacino. Ciò favorisce un ciclo del passo simmetrico e naturale. Potrete flettere l'anca a sufficienza e sedere in modo confortevole poiché l'obliquità pelvica è ridotta al minimo.

La moderna combinazione tra unità idraulica e molla favorisce l'avvio della fase dinamica. Potrete utilizzare l'energia accumulata nella fase statica per iniziare la fase dinamica, andando così a compensare la muscolatura mancante e riducendo lo sforzo durante la deambulazione. Nella fase statica il contatto del tallone al suolo è ammortizzato e controllato e l'anca viene estesa in modo armonico. È possibile un rollover controllato e uniforme con la protesi sotto carico. La combinazione tra unità idraulica e molla consente anche di configurare una lunghezza del passo individuale e di controllare il movimento oscillante nella fase dinamica.

Esercitare la protesi

Dopo l'applicazione del sistema modulare Helix 3D in combinazione con il Genium o il C-Leg è importante esercitare l'uso della nuova protesi. Il vostro tecnico ortopedico vi darà istruzioni dettagliate e consigli importanti in collaborazione con un terapista con una formazione specifica. Eserciterete la deambulazione su pendenze e rampe, il movimento di sedersi e superare ostacoli, ed eserciterete un passo fisiologico che consente un elevato risparmio d'energia. Creerete così le condizioni migliori per un uso ottimale della vostra protesi nella vita quotidiana.

Componenti ideali della protesi

Ottobock approva un trattamento con l'articolazione Helix 3D soltanto in combinazione con il ginocchio controllato da microprocessore C-Leg o Genium. Questi sistemi intelligenti si adeguano a una vasta gamma di situazioni quotidiane e vi regalano la certezza di poter fare pieno affidamento sulla vostra protesi.

Genium

Sensori integrati nel Genium consentono di stabilire in quale fase del passo l’utente si trovi in ogni istante. Il Genium vi consentirà di minimizzare il dispendio energetico e lo sforzo di coordinazione necessari in particolare su pendenze, rampe e superfici irregolari. Il Genium offre per la prima volta ad amputati transfemorali e disarticolati di ginocchio la possibilità di salire le scale con passo alternato, senza un sistema di comando attivo o faticosi movimenti di compensazione. Sarà possibile superare con maggiore sicurezza e con un movimento naturale anche marciapiedi, ostacoli domestici o altri rischi d'inciampare nella realtà quotidiana.

C-Leg

Nel 1997 Ottobock ha introdotto sul mercato il C-Leg, il primo sistema di protesi d'arto inferiore completamente controllato da microprocessore. La comprovata tecnologia C-Leg continua ad essere un punto di riferimento ancora oggi. Un complesso sistema di sensori regola il ginocchio riconoscendo costantemente la fase attuale nel ciclo del passo. Camminare lentamente o a velocità sostenuta, non perdere la stabilità anche in situazioni precarie e su terreni accidentati, superare pendenze e scendere le scale a passo alternato: il C-Leg vi regala questa libertà di movimento quotidiana.