Terminologia tecnica arti superiori

Abduzione


È riferita generalmente a un movimento di allontanamento dalla regione centrale del corpo. Nelle protesi di mano, descrive il movimento di allontanamento delle dita (nell'apertura della mano) o di allargamento o separazione delle dita.

Adduzione


È riferita generalmente a un movimento di avvicinamento alla regione centrale del corpo. Nelle protesi di mano, descrive il movimento di avvicinamento delle dita (chiusura della mano).

ADL (attività di vita quotidiana)


Attività della vita quotidiana come vestirsi, mangiare, dormire, andare in bagno.

Amputazione


Per amputazione si intende l'asportazione di un osso nel tessuto sano o l'asportazione di una parte del corpo a livello di un'articolazione (disarticolazione). Esistono diversi livelli di amputazione.

Livello di amputazione


Per livello di amputazione si intende il livello (altezza) a cui una parte del corpo viene asportata. I livelli di amputazione nelle protesi d'arto superiore sono:

  • Amputazione delle dita/del pollice
  • Amputazione parziale della mano
  • Amputazione carpale/transcarpale
  • Disarticolazione di mano
  • Amputazione transradiale (amputazione sotto il gomito)
  • Disarticolazione di gomito
  • Amputazione transomerale (amputazione sopra il gomito)
  • Disarticolazione di spalla e amputazione interscapolotoracica

Sistema Axon Bus


La parola «Axon-Bus» è riferita a uno standard di comunicazione uniforme tra i componenti protesici. Il sistema Axon-Bus è inoltre un sistema protesico autonomo. La mano Michelangelo è il componente principale di questo sistema. Gli utenti traggono vantaggio dalla maggiore funzionalità della mano.

Bilaterale


Su entrambi i lati, ovvero ad essere colpite sono, ad esempio, entrambe le braccia o entrambe le gambe.

Comunicazione digitale dei componenti protesici


È un tipo di comunicazione tra i componenti della protesi. I vantaggi comprendono:

  • Elevata resistenza alle interferenze
  • Trasmissione dati veloce e sicura

Controllo digitale della protesi


La velocità della protesi, p.es. durante l'apertura e la chiusura, la rotazione o il sollevamento e l'abbassamento, può essere variata.

Dismelia


È un'anomalia congenita differenziata in base ai seguenti livelli:

  • Amelia: mancanza dell'arto intero.
  • Focomelia: la mano o parti di essa sono collegate direttamente alla spalla.
  • Ectromelia: mancanza di una parte intermedia della lunghezza di un osso lungo, la mano è conservata (anomalia longitudinale).
  • Peromelia: mancanza di parte del braccio.

Protesi ibride


Le protesi ibride utilizzano sempre tecnologie differenti contemporaneamente. Ad esempio, una protesi a comando esterno (mano mioelettrica) può essere combinata con una protesi ad energia corporea (gomito) in una protesizzazione d'arto superiore. L'apertura e la chiusura della mano è comandata elettricamente da un dispositivo esterno (segnali mioelettrici), mentre la flessione e l'estensione dell'avambraccio sono eseguite in questo caso tramite bretellaggio comandato con l'energia del corpo.

Sistema a batteria integrata


Una batteria incorporata fissa che non viene rimossa per la ricarica.

Controlaterale


L'arto opposto a quello amputato.

Sistema di bloccaggio


Il perno di bloccaggio e l'attacco per unire tra loro il liner e la protesi.

Liner


Il liner è un rivestimento per il moncone simile a una cuffia che funge da «seconda pelle» tra il tessuto molle e mobile del moncone e l'invasatura. Esso protegge e riduce l'impatto sulle parti delicate del moncone e sensibili alla pressione e collega il moncone alla protesi. I liner sono adattabili e non irritano la pelle; sono tuttavia sufficientemente resistenti per evitare un'elongazione involontaria. I liner di braccio assicurano una buona vestibilità e sicurezza per l'utente.

Protesi mioelettriche


Le protesi mioelettriche sono protesi a comando esterno. Ogni contrazione del muscolo genera un impulso elettrico sulla pelle che è usato per controllare la protesi a comando mioelettrico.

Protesi estetiche


Le protesi estetiche hanno come fine primario il ripristino dell'aspetto estetico. Le possibilità funzionali sono tuttavia limitate al ruolo di supporto quando si afferrano degli oggetti.

Proporzionale


La forza e la velocità di presa possono essere controllate da segnali muscolari di varia intensità.

Propriocezione


Risposta dei ricettori nel tessuto (pelle, muscoli, capsula, tendini).

Supinazione


Rotazione all'esterno della mano ottenuta ruotando l'avambraccio in modo tale che il radio e l'ulna siano paralleli tra loro dopo la rotazione. Con il braccio pendente, il palmo è ora rivolto in avanti (nei piedi: sollevamento del bordo interno del piede con contemporaneo abbassamento del bordo esterno del piede).

Protesi di prova


È una protesi destinata a testare la forma dell'invasatura, il volume, il funzionamento e il design della protesi definitiva.

Protesi cinematiche


Le protesi cinematiche comandate tramite cavo sono protesi azionate con l'energia corporea. Sono «braccia attive» la cui funzione protesica è controllata dall'energia corporea del moncone e/o della scapola. I movimenti sono attivati tramite un bretellaggio sulla protesi.