Ragioni dell’amputazione

Le cause più comuni per un amputazione della gamba

Un'amputazione è la rottura di un osso nel tessuto sano. Quando una parte del corpo viene recisa in un'articolazione, si parla anche di disarticolazione. Si richiede un'amputazione quando non ci si aspetta che una parte del corpo malata guarisca e di conseguenza la vita del paziente è a rischio. Le cause possono includere disturbi circolatori, infezioni, incidenti, cancro o una malformazione congenita degli arti (dismelia). In alcuni dei casi sopra descritti, la necessità di un'amputazione è nota con un certo anticipo. Altre volte le amputazioni si rendono necessarie in modo del tutto inaspettato, ad esempio a causa di gravi ferite dopo un incidente.

Argomenti correlati

Prima dell’amputazione

Ragioni dell’amputazione

Livelli di amputazione

Il Team di esperti


Amputazione per disturbi circolatori

Le malattie occlusive arteriose costituiscono la causa più comune per le amputazioni nel mondo occidentale. A parte altre malattie metaboliche come il diabete, ciò che è noto come "gamba del fumatore" è una ben nota e diffusa malattia occlusiva arteriosa. Quando il flusso sanguigno è interrotto, l'apporto di ossigeno alla gamba non è più sufficiente: si verifica spesso dolore soprattutto mentre si cammina, le gambe o i piedi sono più freddi rispetto al resto del corpo e a volte prendono un colore bluastro. Un'amputazione dell'arto inferiore viene eseguita solo se la circolazione non può essere ripristinata da altre procedure di chirurgia vascolare. Con amputazioni parziali, l'obiettivo è anche di preservare il resto del piede o della gamba.

Amputazione in caso di sindrome del piede diabetico

La sindrome del piede diabetico è una delle cause più comuni per le amputazioni di gamba o piede. Anche se l’aspettativa di vita si è innalzata e il numero di persone con il diabete è in aumento, il numero delle amputazioni sta cambiando di molto poco. Questo grazie alla migliore cura e alle nuove possibilità.

Il diabete mellito causa generalmente parecchi disordini che si rafforzano reciprocamente.

  • La ridotta sudorazione provoca il seccarsi e lo screpolarsi dei piedi e delle gambe.
  • I depositi di zucchero nei nervi portano a perdere la sensibilità della pelle e di conseguenza le ferite non vengono notate.
  • Il diabete mellito altera gravemente la guarigione della ferita.
  • Quando le ferite sono sottoposte a stress, diventano più grandi e il tessuto si infiamma.

C'è anche un rischio che il piede e la gamba si infiammino più rapidamente perché il flusso sanguigno è interrotto dal diabete e le cellule muoiono.

Amputazione per incidente

La frequenza delle amputazioni dopo gli incidenti – tra cui sul incidenti lavoro o stradali – è diminuita notevolmente nel mondo occidentale. Ci sono molte ragioni per questo, tra cui standard più elevati di salute e sicurezza sul lavoro. I progressi nel campo della chirurgia e della terapia intensiva permettono che nervi, vasi sanguigni, ossa e tessuti molli degli arti feriti possano essere ripristinati in molti casi, e quindi l’amputazione è l'ultima soluzione.

Amputazione per tumore

Le amputazioni a causa di cancro sono relativamente rare. Tuttavia, ci sono frequentemente tumori vicino al ginocchio o nella zona dell'anca e circa la metà di tutte le amputazioni nella zona dell'anca e del bacino sono a causa di tumori. L'obiettivo di un'amputazione in questi casi è quello di salvare la vita del paziente, impedendo la diffusione delle cellule tumorali che interessano altre parti del corpo.

Amputazione dopo un'infezione

Poiché Louis Pasteur ha descritto l'effetto degli antibiotici nel 1877, le amputazioni a causa di infezioni sono diventate estremamente rare. Gli elevati standard delle cure mediche e l’antitetanica sono altri motivi della diminuzione. Tuttavia, è necessario essere vigili anche con la più piccola ferita e fare attenzione a segni di infiammazione come arrossamento, gonfiore, febbre e ferita dolorante e verificare se la vostra protezione al tetano è attiva.

L'Istituto Robert Koch raccomanda un richiamo ogni dieci anni, o a volte prima in caso di ferite. Si prega di contattare comunque il proprio medico.



Argomenti correlati