Martina Caironi

La campionessa italiana Martina Caironi è una delle più grandi atlete dei Giochi Paralimpici. Due volte campionessa mondiale nei 100 metri categoria T42, è stata anche campionessa paralimpica nella stessa distanza ai giochi di Londra 2012. Risultato che ha ripetuto a Rio nel 2016, affiancando pure una medaglia nella disciplina del salto in lungo.

"Oltre alle gambe c'è di più."

"Sono una ragazza normale. Nata a Bergamo nel 1989, vita mondana, molti amici, tanto sport. Nel 2007 un incidente in motorino mi ha cambiato la vita: mi viene amputata la gamba sinistra, sopra il ginocchio. Dopo un trauma del genere, le prime cose che pensi sono quelle che non puoi più fare e a quanto sei costretta a dipendere dagli altri. Una volta uscita dall’ospedale inizi a confrontarti con la realtà e sperimenti i tuoi nuovi limiti. Avevo perso mezza gamba ma tutto il resto era rimasto, ero sopravvissuta e soprattutto la testa con cui ragionare c’era ancora!"

"Dalla volontà di tornare a vivere bene sono ripartita, piano piano. Prima con le stampelle per mesi, e poi la prima protesi per camminare. Poco dopo, non mi è più bastato. Volevo tornare a fare sport, a sentirmi veloce, a sentirmi abile. Nel 2010 ho iniziato con le gare di atletica. La mia passione per lo sport e la mia curiosità nel mettermi alla prova, oltre che alla determinazione e al sudore, mi hanno consentito di scalare la classifica mondiale, fino ad arrivarne all’apice, con record su record."

"In questi anni sono diventata una buona comunicatrice, parlo di fre­quente in luoghi pubblici, nelle scuole o in conferenze e trovo ogni volta rea­zioni positive, stupite, compiaciute. Vedo con i miei occhi che il mio semplice uscire di casa con la mia protesi con una cover nera, e andare a fare delle attività per me normalissime, può ispirare le persone intorno a me e far nascere in loro la consapevolezza che una persona con disabilità è prima di tutto una persona."

"Ritengo che l’integrazione sia una delle parole chiave per ogni tipo di diversità, sia essa dovuta ad una disabilità, al colore della pelle o ad una lingua diversa. Per questo motivo studio le lingue e giro il mondo, anche grazie allo sport."

Scheda

Paese di nascita: Italia

Anno di nascita: 1989

Sport: Atletica – 100m, 200m e salto in lungo

Categoria: T42/F42

Allenatore: Mario Poletti

Club sportivo: Fiamme Gialle

Momenti salienti della carriera: .

Oro nei 100 m T42 ai Giochi Paralimpici di Londra 2012 (incluso il nuovo record mondiale)

Oro nei 100 m T42 ai Giochi Paralimpici di Rio 2016

Equipaggiamento:

Per l'attività sportiva: 3S80 e 1E91
Per la vita di tutti i giorni: Genium X3

Rimani aggiornato

Principali risultati sportivi:

Paralympic Games IPC World Championship European Championship
Rio 2016 Londra 2017 Berlino 2018
  • 100 m Medaglia d'oro
  • salto in lungo Medaglia d'argento

  • 100 m Medaglia d'oro
  • salto in lungo Medaglia d'oro
  • 100 m Medaglia d'oro
  • salto in lungo Medaglia d'oro
Londra 2012 Lione 2013 Swansea 2014
  • 100 m Medaglia d'oro
  • 100 m Medaglia d'oro
  • salto in lungo Medaglia d'oro

  • 100 m Medaglia d'oro
  • salto in lungo Medaglia d'argento