Roberto Bruzzone

"Mi chiamo Roberto Bruzzone, ho 37 anni e sono di Ovada, Alessandria. Di professione scalo montagne e attraverso paesi… con una gamba sola. L’altra gamba, dal ginocchio in giù, l’ho persa nell’aprile del 2000, a causa di un incidente in moto, una delle mie grandi passioni. Diciamo che la vita tranquilla non ha mai fatto per me. Probabilmente non scalerei montagne se a 20 anni, la mia passione per la moto non mi avesse portato a folle velocità… fuoristrada!"

"Non ho un sogno nella vita perchè lo sto già vivendo."

"Questo fuori pista inaspettato ha dato una nuova direzione alla mia vita. Gli esiti dell’incidente mi tormentarono per 4 lunghi anni di operazioni, poi la decisione di amputare l’arto dal ginocchio in giù e finalmente un faticoso recupero. Fu difficile e doloroso, ma non mi arresi e, da autodidatta, studiai gli schemi del passo, provando a camminare sempre meglio e sempre di più cercando di adattarmi al dolore e alla fatica."

"Le mie passioni mi hanno spinto a rialzarmi. In primo luogo, la passione per la vita. Così, aiutato da una protesi che cresceva e migliorava con me, ricominciai a fare sport: pugilato e atletica. Per poi abbandonarli nel 2006, per il trekking e le attività all'aria aperta. E' stato grazie al mio preparatore atletico e amico Alessio Alfier che ho scoperto la vocazione per la montagna e i grandi spazi."

"Inseguendo la mia passione, tra dolori e fatiche, continuo ancora oggi ad infrangere i limiti della mia disabilità, motivando chi invece ne soffre il disagio."

Scheda

Paese di nascita: Italia

Anno di nascita: 1989

Sport: Atletica – Pugilato – Trekking

Allenatore: Alessio Alfier

Momenti salienti della carriera: .

Salita al Kilimajaro (primo disabile al mondo a salire la Umbwe Road)

Salita dell'Aconcagua, in Argentina

Equipaggiamento:

Per l'attività sportiva: Sistema Harmony
Per la vita di tutti i giorni:Sistema Harmony

Rimani aggiornato

Principali risultati sportivi:

Cammini Ascese
  • Cammino di Santiago de Compostela (781 km in soli 26 giorni)

  • Ascesa del Gran Paradiso (due volte, di cui una in tempo record di 4h 30min)
  • Traversata della Corsica (22 giorni di cammino per 454 Km)
  • Conquista del Kilimanjaro (Africa 5895mt.) in Kenya e Tanzania (primo disabile al mondo salito in vetta lungo la “Umbwe Route”, in 3 giorni e senza portatori)

  • Deserto rosso del Namib, Namibia (9 giorni di cammino per coprire 240 km)
  • Ascesa dell’Aconcagua, la cima più alta delle Americhe (fino a quota 6030 mt. in totale autogestione)

  • Traversata dal Perù alla Bolivia, con partenza da Lima, passaggio sulla catena delle Ande e arrivo a Tiwanako (1895 km in 88 giorni)